Orlando Furioso

“LE DONNE, I CAVALIERI, L’ARME, GLI AMORI,
LE CORTESIE, LE AUDACI IMPRESE IO CANTO.”

Ludovico Ariosto

ORLANDO FURIOSO è ispirato al poema italiano, stampato per la prima volta nel 1532, lo spettacolo parla delle avventure di un prode cavaliere di nome Orlando e della sua amata, la bella Angelica.
L’amore per lei lo porterà ad allontanarsi dal suo dovere di difensore d’Europa contro i saraceni africani e alla fine lo condurrà alla follia.

Dal poema originale di Ariosto fino ai giorni nostri, questa è la storia non solo dello sfortunato Orlando, innamorato di Angelica, e divenuto pazzo, ma anche della storia degli eserciti cristiani che rischiano di perdere la Francia senza l’aiuto del loro coraggioso eroe.
Lo spettacolo racconta anche la storia di come l’astuto spirito perduto di Orlando sia recuperato da Astolfo sulla Luna e riportato nel corpo del legittimo proprietario, permettendogli di riprendere il suo posto tra i ranghi.
Attraverso l’uso di video, il pubblico viene portato nel cuore del racconto in cui Orlando perduto, furioso e pazzo vaga senza meta in un ambiente apocalittico, cercando disperatamente il senno perduto.
Video e immagini sono utilizzati per creare un’atmosfera surreale, lasciando il pubblico sbalordito da scene di guerre lontane, di conflitti passati o presenti.
Le scene comico-teatrali sono giustapposte alle immagini selvagge e talvolta crudeli evocate dai video: questo contrasto caratterizza profondamente l’intero spettacolo.

Special guests: Carla Tatò and Carlo Quartucci

Staff: 11/12 in tour (9 attori/attrici)
Durata: 75 min. aprox.
Location: Spettacolo adatto a teatri e luoghi non convenzionali.
C’è una “separazione” tra il palcoscenico e lo spazio adibito per il pubblico.

Lingua: Viene eseguito in italiano + sottotitolato in qualsiasi lingua utilizzando 3 schermi di grandi dimensioni.
Tecniche: Physical theatre / danza / macchinari e grandi oggetti in movimento
Situazione ideale: Circa 700 persone. Può ospitare fino a 1.000 spettatori.

Target: Qualsiasi. Fruibile da un pubblico internazionale.
Sottotitoli richiesti per un pubblico di lingua non italiana.
Varie: Utilizzo di proiezioni video. Tutte le strutture e le macchine vengono spostate meccanicamente dall’azione live degli artisti.

Regia: Marco Paciotti
Proprietà intellettuale: ONDADURTO TEATRO / Lorenzo Pasquali and Marco Paciotti

Original Soundtrack composta da: Piccola Banda Ikona / Stefano Saletti
Special guests: Carla Tatò and Carlo Quartucci

Il poema epico cavalleresco di Ariosto prende vita con inseguimenti, incomprensioni, incontri fortuiti, smarrimenti, cavalli al galoppo, nobiltà di spirito e combattimenti.
L’inclusione di situazioni comiche è inevitabile, creando momenti di “teatro nel teatro” come omaggio alla lunga tradizione associata a questo genere.
Mostri alati, maghi, vecchie streghe e incantesimi magici creano un fantastico mondo immaginario attraverso il quale i personaggi si muovono lungo un percorso a zig-zag in una storia che ha l’umanità al centro e la ricerca infinita di qualcosa che possa dare un senso alla nostra esistenza.
I canti di Ariosto e i momenti di maggior impatto interpretativo prendono vita attraverso le immagini e le voci di Carla Tatò e Carlo Quartucci.

La guerra religiosa tra Oriente e Occidente, raccontata da Ariosto, è trasposta in un finale dal forte impatto visivo con la proiezione di immagini di guerre contemporanee sugli schermi di sfondo, in un susseguirsi di primi piani, corpi danzanti, macchine in movimento, in sequenze sempre più accelerate.

MUSICA:
I Momenti musicali “serviranno” la scena, ma allo stesso tempo avranno il ruolo di protagonisti. Le note saranno in stretto legame con il video in forma fotografica. La musica arricchisce tutto lo spettacolo, che vuol essere un evento in forma completa: uno spettacolo che coniuga le varie arti per arrivare ad un prodotto innovativo e ricco sotto ogni sua forma espressiva.

IMMAGINI E VIDEO:
Tre maxischermi utilizzati durante lo spettacolo vanno a creare ambienti ed istallazioni uniche nel genere. Da ambienti surreali e quadri onirici a particolari grotteschi, da immagini strazianti a realtà contemporanee.

L’uso della videoproiezione funge da guida, aiuta a creare spunti di riflessione per il pubblico e accompagna immagini più forti, più cupe creando un dialogo diretto con l’azione dal vivo sul palco.
Elemento caratterizzante è quindi il rapporto con il video sia esso come fotogramma, sia come versione filmica.
In fase di preparazione sono state create apposite scene che durante lo spettacolo vengono ri-proiettate. Questo ad esempio per amplificare la dimensione mentale della follia di Orlando, o per sviluppare immagini sognanti.
La presenza video è caratterizzata dalla presenza di interpreti d’eccezione quali Carlo Quartucci e Carla Tatò.

MACCHINARI:
Gli oggetti e le macchine scenografiche infine hanno un altro peso nello spettacolo: essi sono costruzioni in ferro su ruote, strutture simboliche che sanno far eco ad un immaginario guerresco, fatto di armature, cavalli, e battaglie. Ma anche saranno marionette, spogliati di tutti i loro ornamenti classici per mantenere solo alcuni particolari significanti.
Le macchine sceniche: un ippogrifo, una gonna gigante, un pulpito, un teatro meccanico, alberi, mare, barche, cavalli…

Vuoi vedere le altre foto dello spettacolo? Vai alla nostra sezione dedicata, dove puoi conoscere gli attori, scoprire le scene e molto altro …

Vuoi vedere altri video dello show? Vai alla nostra sezione dedicata, dove puoi vedere gli estratti dello spettacolo e molto altro …

Restiamo
in contatto!

Sei interessato ai nostri spettacoli e vuoi saperne di più? Scrivici un messaggio e ti risponderemo al più presto.