PIETRO IL GRANDE

“Che ne succederebbe,
se ognun de’ forestier si permettesse
di arrestar chicchesia!”.
(Madama Fritz, Act I Scene 8)

Il debutto di ONDADURTO TEATRO nel mondo dell’Opera!
Lo scorso novembre, Pietro il Grande, Kzar delle Russie, prodotto da Fondazione Teatro Donizetti, è stato mostrato per la prima volta nella cornice della 5ª edizione del Festival Donizetti Opera sotto la direzione artistica di Francesco Micheli.
#donizetti200

Only one year after his debut on the theatre scene, 22-year-old Gaetano Donizetti was entrusted by the S. Samuele theatre in Venice with an opera buffa (comic Opera) for the 1820 Carnival season.

The libretto by Gherardo Bevilacqua-Aldobrandini, a Marquis from Ferrara who was passionate about theatre and the arts, was the starting point of Donizetti’s work for this Opera buffa. Already acquainted with Gioacchino Rossini, for whom he had composed the libretto for Adina in 1818, the Marquis ventured into many disciplines, from scenography to poetry to drawing.

The works Bevilacqua-Aldobrandini drew inspiration from are the Italian translation of Le menuisier de Livonie, a comedy by Alexandre Duval published in Italy in 1816, and Il falegname di Livonia, an Opera by Giovanni Pacini, which debuted in 1819 at Teatro alla Scala of Milan, with the libretto composed by Felice Romani.

Based on Bevilacqua-Aldobrandini’s libretto, Donizetti composed a remarkable Opera, in which one can detect Rossini’s influence, as well as appreciate the most characteristic features of Donizetti’s personal style, even if still in their early form.

The modern staging proposed by ONDADURTO TEATRO proves interesting for its innovative scenic solutions as well as the musical choices – the use of original instruments from the time period, the genre of theatre (a comedy with historical figures), the focus on the author’s early works, highlighting Rossini’s influence and the foreshadowing of Donizetti’s artistic maturity in its embryonic stages.

An Opera buffa in two acts with libretto by Gherardo Bevilacqua-Aldobrandini
Music by Gaetano Donizetti
First performance: Teatro San Samuele, Venice, 26 December 1819
Critical edition by Maria Chiara Bertieri / Fondazione Donizetti

Conductor: Rinaldo Alessandrini
Direction, machinery and scenery by Ondadurto Teatro | Marco Paciotti and Lorenzo Pasquali
Costumes: K.B. Project
Lighting design: Marco Alba
Assistant director: Adriana Laespada

Orchestra: Gli originali
Choir: Donizetti Opera
Choirmaster: Fabio Tartari

Pietro il Grande: Roberto De Candia
Caterina: Loriana Castellano
Madama Fritz: Paola Gardina
Annetta Mazzeppa: Nina Solodovnikova
Carlo Scavronski: Francisco Brito
Ser Cuccupis: Marco Filippo Romano
Firman-Trombest: Tommaso Barea
Hondedisky: Marcello Nardis
Notaio: Stefano Gentili

Performers: Giorgia Conteduca, Daniele Fabbri, Valerio Marinaro, Lorenzo Pasquali, Giulia Vanni

Machinery: Lorenzo Pasquali, Massimo Carsetti
Construction of machinery: Fabio Pecchioli, Dario Vandelli
Construction of backdrops: F.M. Scenografie
Props: Teatro alla Scala
Make-up design: K.B. Project
Wigmaker: Audello Teatro

New production and set-up by Fondazione Teatro Donizetti of Bergamo

The Province of Livonia, Madama Fritz’s inn. A young carpenter, Carlo, is in love with Annetta, an orphan friend of Madama Fritz, who is the owner of the inn in Livonia.

Due to a fuss created by a quarrel with the local moneylender, Firman-Trombest, Carlo meets a couple, who are strangers visiting Livonia who happened to be passing by the inn at that moment. The man from the couple questions Carlo who gets irritated and replies with scorn and provocation at the stranger’s interrogation. The argument degenerates into a threat, which Carlo directs at the man, who he accuses of being too intrusive.

At this point, Ser Cuccupis, the pompous magistrate of Livonia, comes on the scene. Ser Cuccupis also gets into a fight with Carlo and he warns the carpenter that he will notify the Tsar of his misbehaviour. The male stranger intercedes and claims to be Menzikoff, a general of the Tsar. After this revelation, the magistrate controls his anger. Despite the stranger’s intervention, Carlo is imprisoned and left there, pending trial.

However, when Carlo was found as a child, he happened to have a letter with him that testifies that he is the son of Carlo Scavronski, a gentleman from Livonia who died serving the Kingdom of Sweden. The female stranger faints as the letter is being read, leaving all the bystanders wondering what has just happened.

In an attempt to free Carlo, Madama Fritz meets the magistrate Cuccupis at his house that evening. She tries to seduce him into releasing Carlo, but in the end, she is unsuccessful. Meanwhile, the two strangers learn that Scavronski had a sister and that she died during the plunder of Magdeburg. The two intercede again and all charges against Carlo are dropped. Out of gratitude, the carpenter introduces them to his beloved Annetta, but he begs them not to tell the Tsar about her, as she is the daughter of Ivan Mazzeppa, a well-known traitor of the Tsar.

The male stranger seems outraged upon learning about Annetta’s lineage, but, after discovering that Mazzeppa is already dead, he forgives the girl and gives his blessings to the couple.

Royal guard Hondedisky recognises the two strangers as Tsar Peter the Great and Tsarina Catherine. He then reveals their identity to the magistrate, who starts adulating the man he now knows to be the Tsar to try to get a promotion out of this accidental encounter.

Not only does the Tsar refuse to support Cuccupis, he also dismisses him from his position as magistrate, as well as confiscating all his possessions, which will serve to repay Carlo and Annetta for all the pain caused by the magistrate’s accusations and Carlo’s subsequent imprisonment.

At this point, the Tsarina recognizes Carlo as her long-lost brother, which explains the reason she fainted when hearing her father’s name in Carlo’s letter. Then, Tsar Peter confers a noble title on Carlo and agrees to his marriage to Annetta, which makes the population of Livonia burst into exclamations of joy.

ARTISTIC INFLUENCE
The staging investigates the Russian artistic currents from the early twentieth century, a period when the country was going through a revolution, ideas were in turmoil and the old order had been overthrown. In order to create images that would not only be a reproduction of reality, but that could transmit its essence, inspiration was taken from the Russian artistic avant-garde of the time. The scenery and costumes are, therefore, the result of research that focused on basic geometric shapes, such as circles, squares, lines and rectangles, painted in a specific range of colours.

MACHINERY
Scenography and stage machinery transform and warp the scene giving life to a sequence long shots where the space itself becomes a pulsating and dramatic element. Mobile structures of various shapes act as camera dollies that frame long shots, close-ups and details. It is the performers themselves – both actors and manipulators at the same time – who move these structures and create and destroy the various settings and planes of action.
The scene separates, spins and expands following the planes, lines, points of intersection and solid mass created by these structures, which give the impression of abstract architectural elements that define the layout of the space.

VIDEO IMAGES AND GRAPHICS
Closely bound to the dramaturgical structure of the Opera, video projections act as an integral part of the staging, along with music, singers and machinery.
The projected images invade different spaces, playing with the solids and voids of the surfaces: images are disassembled, distorted and multiplied.
Video projections become virtual scenarios in movement and constant transformation.

COSTUMES
Each character carries their own dynamic, their own colour, their own shape. Their costumes capture the spectator’s imagination through surreal shapes and structures, while they also contribute to the organisation of the space.
Costumes become true, performative bodies, made up of volumes, lines, solid and void spaces, which intensify, deform and multiply the presence of the singers as if creating dancing architectural elements that enhance the work and highlight the research carried out on the dynamics of space.

Operawire – USA
“ONDADURTO TEATRO è una compagnia caratterizzata dal carattere multidisciplinare dei suoi spettacoli, che spaziano dal nouveau cirque al physical theatre passando per la danza e il gesto.”

Seen and Heard International – Regno Unito
“[La regia] riesce nell’intrattenere il pubblico e nell’esaltare il lato comico dell’opera. Gli elementi mobili della scenografia rendono i cambi di scena scorrevoli, i costumi sono fanciulleschi e coloratissimi, e il design luci è meraviglioso grazie a una profusione di proiezioni.”

Anaclase – Francia
“[…] l’anima dello spettacolo sono essenzialmente le proiezioni video che si infrangono sulla scena, facendola volteggiare e illuminandola attraverso movimenti di luci e colori caleidoscopici che si susseguono a perdifiato durante tutta la serata […].”

Forumopera – Francia
“Forme geometriche, cerchi, quadrati, linee e angoli, superfici laccate, una selezione di colori brillanti, anche violenti, proiezioni caleidoscopiche che si formano e si trasformano in una successione incessante, dando vita a un’animazione spaziale e temporale sempre a tempo con la musica […]. [I] macchinisti che, durante lo spettacolo, manovrano strutture destinate a rappresentare i vari luoghi di azione meritano anche loro di essere riconosciuti e lodati. Le loro azioni complementari [a quelle degli interpreti] perfettamente eseguite danno prova della coerenza e della padronanza della regia di questo complesso progetto.”

Der Opernfreund – Germania
“Con delle reminescenze del Rossini burlesco, quest’opera si presenta in una messa in scena rutilante e articolata che, grazie anche alle coraggiose scelte del direttore d’orchestra, regala una serata molto piacevole.
[…] Per quest’opera, Marco Paciotti e Lorenzo Pasquali hanno concepito una regia e una scenografia così geometrica e colorata che pare nascere dall’unione tra Mondrian, Kandinsky e un designer italiano degli anni ’80. […] I costumi originali e ugualmente colorati dei K.B. Project sono una festa per gli occhi e si adattano perfettamente alla regia […].”

Codalario – Spagna
“La regia della compagnia teatrale romana Ondadurto Teatro, sotto la direzione di Marco Paciotti e Lorenzo Pasquali, unisce colori vivaci e una plasticità colorata a oggetti in movimento e macchinari scenici dalle forme geometriche (cerchi, triangoli, quadrati, rettangoli), insieme a una panoplia di proiezioni video.”

Opéra Magazine – Francia
“Geniale […] la regia della compagnia italiana Ondadurto Teatro, diretta da Marco Paciotti e Lorenzo Pasquali, al loro debutto all’Opera.”

Corriere della Sera – Italia
“La loro grammatica teatrale è fatta di luci, colori, corpi, video, performer e macchinari in movimento, costumi in materiale plastico o similpelle. […] La compagnia modifica e ricompone lo spazio scenico muovendo dei macchinari di metallo, creati attorno al personaggio per amplificarne le caratteristiche e usati per disegnare il gioco teatrale all’interno della trama.”

Il Messaggero – Italia
“[…] una versione attuale e decisamente pop, con colori brillanti e i gesti delicati di Lorenzo Pasquali e i suoi.” (Il Messaggero – IT)

Unfolding Roma – Italia
“L’opera come sottolineato dai registi “riflette l’affresco di un’umanità senza tempo” non stupisce quindi il loro intento di evidenziare le differenze tra i personaggi, “alimentando il potenziale racchiuso in ognuno di essi al fine di dar vita ad una folle danza”, che emerge chiaramente anche con il richiamo alle Avanguardie Artistiche Russe e alle loro geometrie.

Post.it – Italia
[…] la compagnia, fondata nel 2005 da Marco Paciotti e Lorenzo Pasquali, dà vita a una sua peculiare interpretazione di Pietro il Grande, Kzar delle Russie, grazie alla sinergia delle diverse discipline che caratterizzano il loro linguaggio, ai magnifici costumi di K.B. Projecte ai grandi macchinari in scena che rappresentano ormai la loro cifra distintiva.

Corriere della Sera – Italia
[…] la vivacissima e colorata regia di Ondadurto Teatro (ovvero Marco Paciotti e Lorenzo Pasquali) rende ragione della frizzante inventiva di quello che appare una sorta di Rossini in salsa padana.

Bergamo News – Italia
Lo stile di Ondadurto è inconfondibile. Per creare la fiaba perfetta, i due registi hanno pensato a tutto nei minimi dettagli: dalla regia alla sceneggiatura, dalle luci, al trucco e parrucco. Non appena il sipario si è aperto, siamo entrati in un mondo incantato dove le regole del mondo reale non valgono. Le sceneggiature roteano per il palco come fossero ballerine danzanti; il paesaggio, ridotto a forme geometriche e colori vivaci – chiaramente ispirato all’arte di Malevic – consente di immaginare quello che non si vede; i colori vivaci in movimento smuovono gli animi; i personaggi fluttuano nello spazio del palco.

MTG Lirica – Italia
[…] per rendere scorrevoli tre ore di spettacolo era necessaria una regia particolarmente frizzante e spiritosa, dunque ottima scelta affidare la messa in scena alla compagnia Ondadurto Teatro di Marco Paciotti e Lorenzo Pasquali. […] Successo pieno per tutti gli interpreti ed i responsabili della produzione.

Connessi all’Opera – Italia
Il calore finale, proveniente dal gremito teatro, assicura un ottimo successo alla produzione […]

Opera Life – Italia
La compagnia, guidata da Marco Paciotti e Lorenzo Pasquali, dà vita a un’interpretazione di questa opera donizettiana del 1819, caratterizzata da una combinazione di diverse discipline, costumi a cura di K.B. Project e grandi macchinari in scena.

GBOpera Magazine – Italia
L’entusiasmo dimostrato dal pubblico conferma l’impressione di essersi imbattuti in un piccolo capolavoro di unità stilistica. […] Lo spettacolo di Marco Paciotti e Lorenzo Pasquali – direttori della compagnia Ondadurto Teatro – è un’inesauribile delizia per gli occhi […]

I Teatri dell’Est – Italia
Lo spettacolo, per molti versi innovativo e molto divertente nella caleidoscopica evoluzione delle luci (create queste da Marco Alba) e delle scene di Ondadurto Teatro, gruppo specializzato in teatro di strada al suo primo appuntamento con la lirica, vede sbalzare alla ribalta con successo incontenibile, da ripetersi e presto, i bravissimi registi Marco Paciotti e Lorenzo Pasquali. Assai fantasiosi i costumi firmati K.B. Project, che rimandano all’astrazione decò di Sergio Tofano e del suo Signor Bonaventura, così come le acconciature; il tutto realizzato con pochi elementi mobili e con una manciata di mimi per un risultato festeggiatissimo dal giovane pubblico in sala.

Italia Notizie 24 – Italia
La sua riproposta moderna è perciò interessante per più di un motivo: l’efficacia scenica e la piacevolezza musicale […]

Scrissi d’Arte – Italia
[…] la totale realizzazione proposta nell’ambito del progetto Donizetti 200, è un tuffo nel carnevale, per luci, variopinti costumi, luci e proiezioni  in movimento che danno una nuova dimensione divertente all’opera.

Ape Musicale – Italia
Un libretto che vive di stereotipi e assurdità sta benissimo calato fra forme geometriche, colori accesi, proiezioni astratte, così come la maniera ligia di un giovanotto che di lì a poco farà scaturire il suo genio si identifica efficacemente nell’azione convenzionale vestita di scalpitante avanguardia e straniante astrazione.

Belcanto e dintorni – Italia
[…] una messa in scena di grande vivacità e movimento, tale da offrire al pubblico tre ore di spettacolo di grande fascino e leggerezza.

Arte e Arti – Italia
Il risultato è uno spettacolo coloratissimo che porta lo lo spettatore in un periodo ispirato alle avanguardie artistiche russe. Incentrato su forme geometriche e proiezioni, un misurato minimal e lo sfondo dove spiccano colori cangianti.

Sipario – Italia
Il risultato è stato una amalgama di colori e vivacità, che non ha soverchiato l’essenza della musica e il gioco delle parti della partitura e del libretto, accentuando il lato della farsa ma senza eccedere in gesti estranei alla logica nella narrazione lavorando anche in un chiarimento delle dinamiche interne della trama.

Le Salon Musical – Italia
A giudicare dal risultato i sembrerebbe che i due registi romani […] non abbiano mai fatto altro che regie d’opera tanto i loro tempi teatrali coincidono con quelli della musica, procedendo in perfetta sintonia.

Milano 24H – Italia
I due registi hanno ricevuto una storia […] da narrare, ma hanno riconsegnato al pubblico una favola per sognare.

Il Trillo Parlante – Italia
Forza di questa produzione è la regia di Ondadurto […]

Do you want to see more photos of the show? Go to our photos section, where you can get to know the actors, discover the scenes, and much more …

RESTIAMO
IN CONTATTO!

Sei interessato ai nostri spettacoli e vuoi saperne di più? Scrivici un messaggio e ti risponderemo al più presto.